Home Luxsure International Die lustige Witwe, Geneva

Die lustige Witwe, Geneva

by pascal iakovou
0 comment


Per le feste di fine anno al Grand Théatre di Ginevra è andata in scena una nuova produzione de “La Veuve Joyeuse” di Franz Lehar firmata dal celebre regista tedesco Christof Loy che sposta l’azione della celebre operetta del compositore ungherese dai primi del Novecento in una sala del Palazzo dell’ ONU a Ginevra (con qualche allusione all’Est Europa) non senza grande intelligenza e raffinata malizia facendo anche riferimento ad Anton Cechov per la scena unica e la dinamica scenico – teatrale imposta ai cantanti attori, nonché creando una versione ginevriva del celebre capolavoro di Franz Lehar in quanto il libretto viene riscritto in tre lingue (tedesco, francese ed inglese) e vengono aggiunte scene dal musical “One Touch of Venus” di Kurt Weill interpretate con grande eleganza e professionalità dalla celebre mezzosoprano americana Jennifer Larmore . Ma il vero centro dell’attenzione era il bartono belga José Van Dam, fortemente legato da lungo tempo a Ginevra ed al suo Grand Théatre, che con questa produzione dava il suo addio alle scene . Memorabili ed atipiche le grisettes in perfetta sintonia con questa versione “décalé” dell’operetta di Franz Lehar et ottimi e perfetti anche tutti gli altri interpreti : dalla soprano tedesca Annette Dasch, che era una ideale Hanna Glawari, di suprema e raffinatissima eleganza al bartitono Johannes Martin Kranzle, con cui formava una coppia perfetta ed ideale, nel ruolo di Danilo . Numerosi gli interpreti secondari tutti mossi al ritmo delle splendide coreografie di Thomas Wilhelm e molto aiutati anche dalle scenografie marmoree ed eleganti di Christian Schmidt e dai costumi di sottile e raffinato erotismo di Ursula Rezenbrink . Il Coro del Grand Théatre era diretto da Ching – Lien Wu mentre l’Orchestre de la Suisse Romande da Rainer Muhlbach . Numerose le repliche tutte esaurite da un pubblico entusiasta ,attentissimo e pienamente divertito .

Giacomo Di Vittorio

Related Articles

%d blogueurs aiment cette page :